Ciclismo: Emilia-Romagna di nuovo protagonista con il Giro d'Italia Giovani Under 23. Tappa Sorbolo Mezzani-Guastalla

4' di lettura 01/06/2021 - Riflettori di nuovo accesi sull’Emilia-Romagna dello sport, in particolare delle due ruote. Farà infatti il suo esordio proprio dalla Riviera romagnola il Giro d’Italia Giovani Under 23, la competizione che con i suoi oltre 1.300 chilometri di percorso attraverso cinque regioni, rappresenta uno dei più interessanti banchi di prova per i migliori giovani ciclisti in Italia e nel mondo.

Ben cinque le tappe emiliano-romagnole, a partire da quella d’avvio, la Cesenatico-Riccione il 3 giugno. E poi a seguire la Riccione-Imola il 4, la Cesenatico-Cesenatico, nella terra di Marco Pantani, il 5; la cronometro Sorbolo Mezzani-Guastalla tra Parma e Reggio Emilia il 6 e, infine, la Fanano-Sestola il 7 sull’Appennino modenese. Da qui il passaggio in Veneto, per poi proseguire in Lombardia, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia.

A pochi giorni dunque dalla conclusione del Giro d’Italia- con quattro tappe della Corsa rosa che sono partite o si sono concluse in una località dell’Emilia-Romagna - e a meno di un anno dal successo dei Campionati mondiali di ciclismo su strada a Imola, la nostra regione torna protagonista di uno sport che qui ha solide radici. Grandi campioni che hanno fatto la storia del ciclismo, tantissimi appassionati e un amore per la bicicletta sostenuto da una rete di percorsi ciclabili lunga 1.400 chilometri.

E un calendario di appuntamenti sportivi che punta molto su questo sport. Dai Campionati italiani professionisti (dal 18 al 20 giugno, tra Faenza, Bellaria Igea Marina e Imola) al Giro dell’Emilia il 2 ottobre. Passando per la gara di mountain bike Appenninica (12-18 settembre tra Reggio Emilia, Modena e Bologna) fino al Memorial Pantani il 18 settembre a Cesenatico (Fc).

Rilanciato nel 2017 con un’intuizione di Davide Cassani e della Federciclismo, che ha affidato l’organizzazione al gruppo ExtraGiro, coordinato da Marco Selleri e Marco Pavarini, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, il Giro d’Italia Under 23, si svolgerà dal 3 al 12 giugno, lungo 1323.9 km di percorso, 18.450 metri di dislivello totale e vedrà la partecipazione di ben 176 atleti di 35 team provenienti da 14 Paesi. Tra i giovani lanciati negli ultimi anni, talenti già espressi tra i professionisti come Tom Pidcock, Alexander Vlasov, Joao Almeida e Pavel Sivacov.

Si parte dunque il 3 giugno con la Cesenatico – Riccione, tappa di 144 km con un dislivello di 1.200 metri: passando per San Martino in Fiume (frazione di Cesena), si arriva a Savignano sul Rubicone (Fc). Da qui la salita verso Sogliano al Rubicone, poi giù verso Santarcangelo sempre nella provincia di Forlì-Cesena. Da una serie di saliscendi, passando per Monte Olivo e Coriano in provincia di Rimini, fino al traguardo di Riccione.

Il giorno dopo da Riccione a Imola: 138 km e altri 1.300 metri di salita. Passando per Cerasolo di Coriano, Pisignano (frazione di Cervia nel comune di Ravenna), Forlì, Faenza fino agli ultimi 30 km che metteranno alla prova i ciclisti con le salite di Monte Carla, Monticino e Cima Gallisterna, la salita “scoperta” ai Campionati del Mondo 2020 con l’attacco iridato del francese Alaphilippe, fino all’arrivo a Imola, tra il Ravennate e il Bolognese.

Terza tappa, il 5 giugno, con partenza e arrivo Cesenatico, nella terra di un campione ineguagliabile come Marco Pantani, ricalcando il percorso medio della granfondo Nove Colli. Tappa impegnativa con i suoi 132.5 km e i suoi 2.000 meri di dislivello, e le salite verso Bertinoro, Polenta, San Matteo, Pieve di Rivaschio, Ciola, Barbotto, in provincia di Forlì-Cesena.

Il 6 giugno, la quarta tappa porta da Sorbolo Mezzani a Guastalla, una cronometro di 25.4 km, unica giornata senza salite, ma con una vera lotta contro il tempo, tra le province di Parma e Reggio Emilia.

Molto impegnativa invece la quinta tappa, quella del 7 giugno da Fanano a Sestola: 142 km e un dislivello di 2.500 metri tutti in territorio modenese: tra le località toccate Vignola, Sant’Antonio di Pavullo, Mocogno, Ponte del Prugneto, Poggioraso e Colle Passerino. Sestola ha già ospitato un arrivo di tappa del Giro Under 23 nel 2018 e poche settimane fa una tappa del Giro d’Italia professionisti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-06-2021 alle 20:56 sul giornale del 03 giugno 2021 - 121 letture

In questo articolo si parla di sport, emilia romagna, comunicato stampa, ausl, ausl romagna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b5ww