Scoperto due volte nella stessa notte nel tentativo di rubare auto, arrestato

2' di lettura 11/02/2021 - Gli Agenti sono intervenuti nella notte tra domenica e lunedì nelle prime ore della nottata in Borgo del Parmigianino, allertati da alcuni residenti che hanno notato tra le auto in sosta un individuo straniero che tentava di accedere alle stesse.

Gli operatori sul posto si sono accorti che il sospetto era riuscito nel suo intento poiché è stato rinvenuto all’interno di un veicolo di cui aveva posto a soqquadro gli interni. La perquisizione personale dello stesso ha dato esito positivo ed il soggetto è stato denunciato in stato di libertà a seguito degli accertamenti di rito in Questura.

Dopo neanche un’ora da questi fatti la centrale operativa viene nuovamente allertata per una segnalazione del tutto analoga, questa volta proveniente da via Linati. Le pattuglie convergono sul posto e accerchiano un veicolo nel quale si notava la presenza di un soggetto, immediatamente riconosciuto come lo stesso individuo dell’intervento precedente.

L'uomo a questo punto, per sottrarsi al controllo, ha azionato la chiusura centralizzata del veicolo e si è chiuso all’interno del mezzo gettandosi sui sedili posteriori tanto da far presumere agli Agenti che fosse stato colto da malore.

Solo con l’intervento dei vigili del fuoco e di personale medico, che constatava il perfetto stato di salute dell’uomo, gli agenti hanno potuto estrarre il responsabile e infine, dopo una breve resistenza dello stesso che tentava di guadagnare la fuga con indosso alcuni capi di vestiario asportati dalla stessa autovettura, bloccarlo e dichiararlo in stato di arresto per i fatti occorsi.

Il malvivente, un cittadino francese classe 44enne è stato, su disposizione del Pubblico ministero di Turno, associato presso le camere di sicurezza della Questura di Parma in attesa del giudizio.

Sulla sua persona sono inoltre stati rinvenuti alcuni effetti personali riconducibili ad una donna, vittima di un ulteriore furto su autovettura commesso nelle giornate precedenti, circostanza che ha consentito agli operatori di denunciare l'uomo anche per il reato di ricettazione.

In data 09 febbraio il 44enne è stato tratto a giudizio innanzi al tribunale di Parma sezione penale per il giudizio di convalida e per il rito direttissimo. Qui l’autorità giudiziaria, riconosciuta la gravità dei fatti ed il rischio che il soggetto reiterasse la condotta, ha convalidato l’arresto e disposto che l’uomo fosse associato presso la locale casa circondariale in attesa della nuova udienza del procedimento.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Parma.
Per Telegram cercare il canale @vivereparma o cliccare su https://t.me/vivereparma

È attivo anche il nostro canale Facebook: facebook.com/vivereparma/






Questo è un articolo pubblicato il 11-02-2021 alle 08:35 sul giornale del 12 febbraio 2021 - 121 letture

In questo articolo si parla di cronaca, emilia romagna, notizie, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bNuL